×

Panoramica sulla privacy

Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni come riconoscerti quando ritorni sul nostro sito web e aiutando il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili.

È possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie cliccando sui pulsanti del lato sinistro.

Nome del cookie Accettare
Regolamento generale sulla protezione dei dati - - GDPR Pro All in 1 Questo modulo aiuta il sito a diventare conforme a GDPR aggiungendo le funzionalità conformi alla legge.
Uncaria Tomentosa - Una de Gato (60 Compresse) Naturincas - Difese, Stimolante Immunitario
  • Uncaria Tomentosa - Una de Gato (60 Compresse) Naturincas - Difese, Stimolante Immunitario

Uncaria Tomentosa - Una de Gato (60 Compresse) Naturincas

19,90 €

Uncaria Tomentosa - Una de Gato

Un inverno in assoluta sicurezza!

Che cosa è: L’Uncaria tomentosa, nota anche col nome d’Unghia di gatto, appartiene alla famiglia delle Rubiacee ed è un grosso arbusto rampicante e spinoso, che cresce spontaneo nelle foreste amazzoniche. La droga, costituita dalla parte interna della corteccia e delle radici, ha una composizione complessa.

Proprietà riconosciute dalla tradizione: • Impiegato come antinfiammatorio. • Impiegato come coadiuvante del trattamento antireumatico e dell’artrite. • Aiuta a rinforzare il sistema immunitario. • Utile nella cura dell’ulcera e dei 

Uncaria Tomentosa - Una de Gato

Un inverno in assoluta sicurezza!

Che cosa è: L’Uncaria tomentosa, nota anche col nome d’Unghia di gatto, appartiene alla famiglia delle Rubiacee ed è un grosso arbusto rampicante e spinoso, che cresce spontaneo nelle foreste amazzoniche. La droga, costituita dalla parte interna della corteccia e delle radici, ha una composizione complessa.

Proprietà riconosciute dalla tradizione: • Impiegato come antinfiammatorio. • Impiegato come coadiuvante del trattamento antireumatico e dell’artrite. • Aiuta a rinforzare il sistema immunitario. • Utile nella cura dell’ulcera e dei disturbi gastrointestinali. • In America Latina viene usato come antiallergico e antivirale.

Ci sono evidenze in vitro e in vivo su animali che questa pianta abbia effetti antinfiammatori, inibitori della replicazione virale e della proliferazione di cellule anomale. In modo generico, possiamo riassumere che gli effetti terapeutici dell’Uncaria tomentosa siano intimamente relazionati col sistema immunitario.

Componenti: Corteccia standardizzata, disidratata e polverizzata, concentrata al 1% ATM*.

Modalità D’Uso: - Stati infiammatori comuni: 1 compressa al giorno, da assumersi a digiuno. - Stati infiammatori invalidanti: 2 compresse al giorno, da assumersi a digiuno.

Contenuto Confezione: Flacone in vetro contenente 60 compresse da 200 mg.

Bibliografia tratta da Pubmed: Alla frazione alcaloidea (alcaloidi ossindolici pentaciclici: isopteopodina, pteropodina, isomitrafillina, mitrafillina, rincofillina, isorincofillina) è dovuta la potente azione immunostimolante e immunomodulante, di tipo aspecifico, che si esplica sostanzialmente attraverso un’aumentata attività fagocitaria da parte dei macrofagi del sistema reticolo-endoteliale oltre che un incremento del numero delle cellule T4 e NK (Natural Killer). In realtà, sono stati individuati due chemiotipi d’Uncaria: uno ad alcaloidi ossindolici pentaciclici a prevalente attività immunostimolante, che è quello utilizzato, ed un altro ad alcaloidi ossindolici tetraciclici ad attività sedativa sul SNC e ipotensiva; i primi si comportano da antagonisti sui secondi. (Mok et al., 1992; Liu e Mori, 1992; Wagner et al., 1985; Liu et al., 1993) I glucosidi dell’acido chinovico, altri componenti importanti, esplicano fondamentalmente azione antinfiammatoria e antivirale. La dimostrazione di un reale effetto antinfiammatorio potrebbe spiegare l’impiego tradizionale della pianta nei dolori reumatici e nell’ulcera gastrica; in tale attività non sembrano coinvolte le prostaglandine. Tutti i principi attivi dell’Uncaria sembrano in grado di contrastare l’azione della DNA-polimerasi e della transcriptasi inversa implicati nella replicazione virale: questo rende ancor più efficace l’attività immunostimolante, e ne giustifica l’impiego nelle forme erpetiche e -ancora in corso di studio- nell’AIDS (Steinberg, 1995). Alla frazione polifenolica, infine, si deve l’attività antiossidante, antiradicalica e antimutagena, utile nella prevenzione delle malattie degenerative. E’ ancora in corso di studio l’attività d’inibizione selettiva sulla proliferazione delle cellule tumorali (Sheng, 1998). L’utilizzo dell’estratto è controindicato durante la gravidanza e l’allattamento per una possibile azione sulla muscolatura uterina e sulla produzione del latte, in bambini al di sotto dei tre anni, in quanto il sistema immunitario non è ancora sufficientemente maturo, e in tutte le situazioni in cui viene ricercata una immunodepressione iatrogena, come in pazienti che hanno subito un trapianto o che devono subirlo. Il sovradosaggio può provocare diarrea, mentre, in seguito ad assunzione prolungata, è stato segnalato un lieve calo in vitamina A.